“Mario Tronti era mio zio”

Con un’intervista così, al New Yorker avrebbero già firmato il contratto per un libro (ma forse anche in Italia?). Un dubbio: ma perché Mario Tronti “era” suo zio?

Questo inserimento è stato pubblicato in roba sparsa. Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>