Mo’ ve lo buco ‘sto pallone

Umberto Eco prevede che i libri sopravviveranno all’iPad perché una serie di buone ragioni, ma secondo me manca quella principale: vi fareste un bagno sereno, sapendo tutto quello che può succedere – furti, pallonate, sabbia, birra – all’iPad da cinquecento euro che avete lasciato sull’asciugamano?

Questo inserimento è stato pubblicato in roba sparsa. Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso.

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>