9 anni passati quasi invano

Due giorni  dopo la rivolta di Roma, i commenti degni di lettura sulla stampa che conta secondo me – ma aiutatemi – finora sono pochini:

Angelo D’Orsi su Liberazione (“Violenza c’è stata in migliaia di circostanze un po’ ovunque nei secoli. E sempre questa violenza è reattiva”),

Marco Belpoliti sulla Stampa (“La rivolta accade, alla stregua di un evento artistico, di una manifestazione momentanea, di una performance”),

Giovanni Robertini sul Post (“Chi ha dato fuoco alle macchine o ha spaccato le vetrine delle banche è acceso dalla stessa rabbia, pessimismo, solitudine – in dosi più o meno forti – che hanno animato gli altri ragazzi in piazza, quelli che applaudivano ma anche quelli che dicevano hanno rovinato tutto”),

Marco Bascetta sul Manifesto (“La violenza è una relazione, non una malvagia inclinazione onanistica”),

e (già) il capo della polizia sull’Unità (“Rifiuti, Fiat, aziende che chiudono, tanti sono i focolai di tensione. Perché i rifiuti di Napoli devono diventare un problema di polizia? Semmai è di pulizia”).

Gli altri sono rimasti a Genova.

Questo inserimento è stato pubblicato in club media, ctrl alt. Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

2 Commenti